Blood Type di KA Linde

Titolo Originale: Blood Type

Usa: 2018

Pagine: 290

Protagonisti: Reyna, Beckham

Genere: Paranormal Romance

Casa Editrice: Newton Compton

Data di Uscita: 28 dicembre 2019

Serie Blood Type #1

Blood Type di KA Linde

Reyna Carpenter non ha avuto scelta. Per sopravvivere in un mondo oscuro, in cui soldi e potere sono in mano a una ristretta élite, ha deciso di vendere il suo corpo. E così è diventata un’escort, destinata a soddisfare la sete di sangue del magnetico e pericolosissimo Beckham Anderson.

Beckham è un vampiro. Ancora più bello, ricco e potente di come Reyna si era immaginata. Ma c’è una cosa destinata a sconvolgere tutte le sue certezze: Beckham non ha intenzione di bere il suo sangue. In un mondo lacerato da una spietata guerra per la sopravvivenza, Reyna imparerà che ognuno è costretto a indossare una maschera. E che dietro quella di Beckham si nasconde un segreto inconfessabile…

“Un predatore che bramava la sua preda. Ed era intrappolata.”


Il primo amore non si scorda mai. E infatti io amo le storie di vampiri. (#vampirinelcuore)
Riuscire però a trovare letture urban fantasy all’altezza, ultimamente, sta diventando complicato.

Non è però il caso di Blood Type, un bellissimo libro a capo dell’omonima trilogia.

“Quando uscì dalla stanza, non aveva idea di quello che sarebbe successo da lì in poi.
L’unica cosa che era molto, molto chiara era che Beckham Anderson fosse un completo stronzo.”

Reyna Carpenter è una ragazza poco più che ventenne, bloccata nel limbo in cui la società l’ha incastrata. Troppo povera per frequentare l’università e troppo poco qualificata per trovare un lavoro, vive in un mondo in cui la crisi ha fatto lievitare in maniera esponenziale i costi dei beni primari. Questa situazione causa una frattura che conseguentemente vede i poveri da una parte e i super ricchi dall’altra.

Stanca di questa vita e in preda alla disperazione più totale, decide di cercare lavoro alla Visage.

La Visage non è altro che una super società capeggiata da vampiri, in cui i dipendenti umani fungono da “scorte di sangue” volontarie. Insomma, vitto e alloggio garantiti più un super stipendio assicurato, cosa volere di più?
Peccato che il suo sponsor, Beckham Anderson, sia una totale palla al piede.

-Non c’è nessun posto che mi sia precluso. Tutto quello che devi fare è chiedere.
– Perdonami, ma chiederti qualunque cosa, Becks, è piacevole quanto farsi strappare un dente. Non rendi le cose semplici.

Per quanto Reyna sia pronta a prendersi le sue responsabilità di scorta ambulante, è dura se il capo non ne vuole sapere di mangiare. Lei fa tutto quello che dice, prova ad instaurare un rapporto di amicizia, ma lui nisba. Anzi, sembra quasi che meno si trovi a contatto con Reyna, meglio stia.

“Il muro tra di loro era tornato. Due passi avanti, cinquanta passi indietro.”

In tutto questo non vi ho detto però quanto sia figo Beckham! Immenso, tenebroso, occhi color onice e sempre vestito in maniera impeccabile, è un vero e proprio adone. Peccato che sia inculento come pochi. In realtà capirete che dietro alla facciata da stronzo atomico, arde una passione difficile da contenere. Le motivazioni del suo comportamento bipolare le dovrete scoprire con mooolta pazienza: ci sono, nulla è come sembra, ma due bei calci nei denti vorrete tirarglieli, eccome!

Sappiate che mi ha causato qualche raptus di gelosia più e più volte durante la lettura, maledetto.

Come dicevo, il rapporto tra i due non è ben oliato. Ci sono tira e molla, schiaffi morali dolorosi, interventi last minute salva vita e pericoli nascosti in ogni dove.

Perché ovunque c’è potere, c’è cattiveria. E in questa tempesta che rischia di decimare la popolazione Reyna, senza saperlo, è finita proprio nell’occhio del ciclone.

Riuscirà a sopravvivere?
Non vi resta che scoprirlo. Attenti però al finale fetente… io mi fiondo sul seguito in lingua originale, non posso attendere senza sapere!

Giudizio:

Classificazione: 4 su 5.

Sensualità:

Violenza:

Cherry

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.