L’ancella di Celia Aaron

Titolo Originale: The Maiden

Usa: 2018

Pagine: 282

Protagonisti: Delilah, Adam

Genere: Dark Romance

Casa Editrice: Hope Edizioni

Data di Uscita: 16 febbraio 2021

Serie Il Monastero #1

L’ancella di Celia Aaron

Mi sono unita al Monastero nella speranza di trovare la verità, ma ho scoperto altro, molto altro; l’oscurità che attanaglia questo posto mi seduce ogni giorno di più, mi attira a sé, finché non riesco a pensare a nient’altro, se non a lui.

Adam Monroe, il figlio del Profeta, un Principe delle tenebre a capo di un impero che cresce istante dopo istante. Lui mi proteggerà dai lupi che minacciano il mondo. Eppure, più rimango al Monastero, più capisco che le belve sono proprio gli uomini al servizio del Profeta.

Se Adam scopre perché sono qui, mi punirà con il sangue. Fino ad allora, sarò Delilah, serva obbediente del Profeta, durante il giorno, e di Adam, durante la notte.

«Abbiamo un nuovo raccolto di Ancelle Claustrali, gloria a Dio.» Fa un gesto verso di noi, dodici pedine nel suo gioco di potere. Le luci del palco lo fanno risplendere. La folla applaude. La loro ingordigia è come un vento ruvido che soffia sulle nostre schiene.

Brutale come una pagina di cronaca nera. È la prima definizione che mi è venuta in mente durante la lettura di questo splendido dark romance, dove le scene più brutali e più umilianti non avvengono per mano del protagonista maschile, ma per quelle dei tanti (troppi) carcerieri.

L’Ancella è Delilah, una delle tante, troppe ragazze vergini che arrivano al Monastero credendo di avvicinarsi a Dio e finendo invece dritte nelle fauci dell’inferno.

“Le condizioni ti forzano ad aggrapparti al tuo torturatore, perché non c’è nessun altro. Sono qui da poco più di una settimana e la mia mente è già un acquitrino di rimpianti e confusione.”

Cos’è il Monastero? Una struttura complessa di terreni e costruzioni in cui vivono una serie di persone che di fatto “appartengono” al Profeta,  un pazzo delirante che predica una Bibbia e un Dio rivisti e corretti a suo vantaggio, violando qualunque regola di morale, religione, giustizia, moralità. Con il grandissimo talento di convincimento (=lavaggio del cervello) che possiede, irretisce un quantitativo di persone sempre maggiore suddividendo i suoi “sudditi” e creando schiere di Protettori, Filatrici e Ancelle legati a lui dal potere di vita e di morte  che si è dato. Terrificante e aberrante, è una storia che toglie quasi il respiro mentre si legge. Il vomito mi ha assalito in vari punti, e lasciatemi dire che se siete troppo sensibili a certi argomenti forse questa lettura non fa per voi.

cop

“Questo posto è l’inferno e Adam è un altro dei demoni che vi dimorano.”

Nonostante io pensi spesso che se sei troppo sciocco e credulone meriti di finire nei guai, questi guai sono troppo grossi per chiunque e ognuno merita di avere una scappatoia, la possibilità di correggere il tiro o riprovare a partire, se sbaglia strada e imbocca una discesa verso l’inferno.

Queste Ancelle credono di avvicinarsi a Dio ma non sanno di barattare la propria vita in cambio del nulla, comprese nessuna possibilità di fuga o gentilezza. Una volta entrate nel Monastero possono solo diventare una del gregge assoggettato al Profeta, che abusa dei loro corpi e delle loro menti, o uscirne in un sacco nero.

Delilah crede di poter fingere di far parte del meccanismo per scoprire cos’è successo alla propria amica Georgia, ma non sa di cadere vittima di un complesso sistema di corruzione e malvagità che presto travolgono lei e tutte le sue compagne di sventura.

Ma. Come in ogni favola oscura, forse c’è una possibilità di salvezza e potrebbe arrivare dall’angolo meno rassicurante: il Profeta ha infatti due figli che non sono così malvagi come lui vorrebbe che fossero… e uno di loro è proprio il Protettore di Delilah, Adam.

Non svelerò di più, anche perché la bellezza di questa lettura a parer mio non è tanto nella costruzione del romance in sé quanto nella descrizione cruda dei fatti che servono ad addentrarci nel meccanismo psicopatico del mondo creato dal Profeta e nel modo con cui le vittime cadono nella sua trama. Ogni pagina si traduce in azioni e situazioni che accerchiano sempre di più le Ancelle e rendono attuabile il folle piano.

Non riesco a spiegare quanto interesse questa lettura abbia saputo suscitarmi, complice anche il fatto che quando ero ragazzina mia nonna finì affiliata ad una simile setta pseudo religiosa, fortunatamente con fini meno malvagi ma ugualmente truffaldini. Ho bevuto le pagine di questo primo libro della trilogia quasi sotto ipnosi per la vividezza con cui riuscivo a vedere le scene descritte.

Una grandissima Celia Aaron per una storia che promette ancora moltissimo nel suo seguito. E il secondo capitolo arriverà prestissimo, già il prossimo 16 marzo!

Giudizio:

Classificazione: 5 su 5.

Sensualità:

Violenza:

Navillus

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.