Legati dalla vendetta di Cora Reilly

Titolo Originale: Bound by Vengeance

Usa: 2017

Pagine: 257

Protagonisti: Growl, Cara

Genere: Dark Romance

Casa Editrice: Hope edizioni

Data di Uscita: 26 gennaio 2021

Serie Mafia Chronicles #5

Legati dalla vendetta di Cora Reilly

Growl

Non aveva mai avuto niente per sé e non aveva mai osato sognare di possedere qualcosa che valesse così tanto. Da figlio bastardo indesiderato si era sempre dovuto accontentare degli avanzi altrui. Poi, gli avevano dato in dono colei che, solo poche settimane prima, era stata del tutto fuori dalla sua portata, uno dei loro beni più preziosi, un qualcosa che fino a quel momento non aveva avuto il diritto di ammirare neppure da lontano.

Gettata ai suoi piedi per ciò che lui incarnava, perché erano sicuri che l’avrebbe spezzata. Growl sarebbe stato la sua punizione, un destino peggiore della morte.
Cara

Era sempre stata una brava ragazza, ma nulla del suo passato l’avrebbe più protetta. Non conosceva il suo vero nome: la gente lo chiamava Growl, in faccia, o il Bastardo, alle sue spalle. Erano entrambi dei nomi che lui non si sarebbe mai scelto da solo. I suoi occhi erano vuoti, uno specchio che le rimandava indietro la sua stessa paura. Growl era la mano brutale della Camorra di Las Vegas. E lei sarebbe stata alla sua completa mercé.

“Il mio destino era nei bassifondi. Non avevo mai avuto niente di mio, non avevo nemmeno mai osato sognare di possedere qualcosa di tanto prezioso. Io ero il figlio indesiderato, che avrebbe sempre dovuto accontentarsi degli avanzi degli altri. Ma quel giorno Falcone mi aveva dato ciò che solo poche settimane prima era stato fuori dalla mia portata, qualcuno che non mi era neanche permesso ammirare da lontano, uno dei beni di maggior valore della società.”

Che botta, ragazzi! Sono appena stata investita da un treno chiamato Growl e mi è piaciuto rimanere intontita (o forse sarebbe più esatto dire tramortita del tutto…)

Growl è una specie di KingKong, un uomo che è quasi un gorilla per forza bruta e apparente disumanità, ferocia inaudita e coraggio bestiale. Lui è il braccio esecutivo di Falcone, un capomafia della Camorra di Las Vegas tra i più efferati (e mi perdonerà l’autrice se la scelta del nome Falcone proprio non mi va giù), coperto di cicatrici e tatuaggi, grosso come un armadio quattro stagioni, quasi muto e… solo al mondo. Dite che mi sto già ammorbidendo, vero? La solita malefica sindrome della crocerossina, dove c’è un uomo sofferente io… me ne innamoro. Shame on me. Ma provateci voi a rimanere indifferenti davanti a uno che ha dovuto diventare forte per non morire o patire ogni tipo di violenza.

È la legge del più forte, che è poi la base della teoria di Darwin, se non sei forte abbastanza ti estingui, chiaro e limpido. Inutile piangersi addosso o lamentarsi.

«Ti conviene smettere di sperare. È uno spreco di tempo.»

Growl pensa di non essere particolarmente intelligente, ma astuto sì, e infatti si è fatto strada in un mondo dove la regola è unicamente la forza. E quella forza se l’è costruita con metodo e decisione, perché di arrendersi e soccombere non se ne parlava proprio.

Cara? Sembra una bambolina, la solita principessina viziata figlia di un potente quanto sciocco papà, colluso con la mafia. Ma non è stupida e si adegua in fretta alle nuove regole. Assolutamente degna di stare al fianco di Growl, ha tutta la mia stima, mentre osserva con acutezza il mondo intorno a lei, i familiari, i finti amici, le guardie del corpo e i nemici più pericolosi.

“Era come osservare una tigre nel suo recinto, dall’altra parte del vetro, e stupirsi della sua forza. In quel caso, però, l’unica cosa che gli impediva di attaccare erano le regole sociali, che persino uno come lui era tenuto a rispettare.”

Non credevo che dopo il personaggio di Luca Vitiello questa serie avesse ancora così tanto da darmi né soprattutto che la Reilly potesse tirare fuori dal suo cilindro un protagonista anche migliore come Growl, quasi un’altra Bestia che la sua Bella ammansirà. Non c’è niente da fare, certi personaggi sono panna per il mio caffè, li amo profondamente.

Cora e Growl saranno essenziali per lo sviluppo futuro della serie e per i legami e gli scontri che si creeranno da qui in avanti tra la Mafia di New York e la Camorra di Las Vegas. E non posso che esserne felice, visto che, al di là degli inevitabili cliché di genere, questo tipo di romance, sempre sul filo del rasoio con il dark e il suspense, mi piace da morire e mi tiene attaccata alle pagine fino alla fine.

Grazie Cora!

Giudizio:

Classificazione: 5 su 5.

Sensualità:

Violenza:

Navillus

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.