Grida il mio nome di Chiara Cavini Benedetti

Italia: 2020

Pagine: 320

Protagonisti: Noah, Amber

Genere: New Adult

Casa Editrice: Self Publishing

Serie Silent Love #1

Data di Uscita: 14 ottobre 2020

Grida il mio nome di Chiara Cavini Benedetti

“Rompiamo tutte le regole. Giochiamo con il fuoco. Insieme.”

Sono molte le cose che Noah Davis nasconde.
Il suo passato. I suoi demoni. Le sue cicatrici.
Cicatrici così estese che si sono insinuate sotto la sua pelle, nel tentativo di marchiargli l’anima.

Sono molte le cose che Amber Riley nasconde.
I suoi incubi. Le sue paure. La sua voce.
Una voce che non usa da mesi, e che l’ha imprigionata nel silenzio.

Tutto cambia quando Amber si trasferisce alla Liberty High, una prestigiosa scuola privata nella piccola cittadina di Glenwood. È lì che Amber conosce Noah, il ragazzo dal viso pieno di lividi e dagli occhi cupi come la notte.

Amber dovrebbe stargli alla larga. Lui è pericoloso. È oscuro. Sembra un angelo caduto che porta i segni dell’inferno sulla pelle. Avvicinarsi a Noah sarebbe come giocare con il fuoco, e Amber non può rischiare di bruciarsi, non di nuovo.

Ma quando Noah impara a sentire il silenzio di Amber, all’improvviso l’inferno perde di importanza.
Fino a quando non minaccia di distruggerli entrambi.

“Se la notte avesse avuto una forma fisica, quella sarebbe stata Noah. E un’entità fatta di oscurità e stelle non poteva essere definita sexy. Forse, non poteva essere definita in alcun modo. Non esiste nessuna parola abbastanza forte che possa descrivere quel senso di ammirazione e meraviglia che si prova nel contemplare la volta celeste trapuntata di astri argentei.”

Un eroe negativo e un’eroina dolcissima, un diavolo nero e un angelo fatto di luce, una specie insomma di alfa e omega e di opposti che si attraggono. Come al solito, direte voi. E infatti, rispondo io. Eppure c’è qualcos’altro, qualcosa di non scritto che illumina le scene e le rende “visibili” anche se sono solo racconti, solo descrizioni, solo dialoghi. Perché Chiara ha un dono comune a poche: dipinge il suo racconto come se fosse la splendida sceneggiatura di un film e quel film, tu che leggi, non puoi smettere mai di guardarlo.

“Era una guerriera incastrata in un corpo di porcellana ricoperto di crepe, e io avrei voluto stringerla e aiutarla a tenere insieme tutti pezzi.”

Noah e Amber sono due ragazzi dal cuore spezzato, anche se in modi diversi, anche se hanno vissuto un’infanzia diversa, anche se vivono un presente diverso. Sono due fiori rari, di quelli che nascono tra le rocce, che non tutti vedono, e che facilmente appassiscono. In pochi li conoscono davvero, anche perché entrambi fanno di tutto per passare inosservati e non essere scoperti. Uniformarci tutti ci rende un branco, interscambiabili tra noi, e quindi invisibili.

Ma è difficile non notare uno come Noah, che combatte anche battaglie non sue, e che si carica sulle spalle colpe che appartengono ad altri.

Allo stesso modo è impossibile non notare la ragazza “nuova”, appena arrivata alla Liberty High School, che non parla con nessuno e non ha amici ma si difende come una tigre se si sente attaccata.

E due così non ci mettono molto a finire dallo stesso lato della barricata.

“Io non sono il principe. Sono il cattivo.”

Alcune frasi e alcune immagini sembrano uscite direttamente da Twilight o da Cime Tempestose, ma non per questo sono meno ipnotiche o meno fondamentali per la trama. Perché le apparenze sono solo apparenze ma le persone sono molto di più, così come i personaggi.

“Le ferite, i lividi, le cicatrici, l’aria cupa. Sembrava che fossero le uniche cose che vedevano le persone. Ma erano altre le cose su cui volevo portare la luce.”

Una storia ammaliante e una splendida scrittura per una giovane autrice che vi catturerà nella sua tela. Una storia di crescita insieme, di quelle che ci dimostrano una volta di più quanto contino gli amici e quanto le nostre singole fragilità, le nostre singole solitudini e paure, condivise e unite a quelle degli altri possano diventare una forza incredibile.

Gli essere umani da soli sono fragili, ma uniti possono diventare invincibili. E tanto Noah quanto Amber hanno amici fantastici che li aiutano in ogni modo possibile e in molte occasioni.

Grande Chiara, ti aspetto ora con le storie di Logan, Ethan, Elle e Zoe.

Giudizio:

Classificazione: 4 su 5.

Sensualità:

Violenza:

Navillus

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.